.. EMERGENZE RUBRICA CONTATTO UBICAZIONE GALLERY LINK SITE MAP PRINT VERSION
Cenni storici
..
Usogia, e Usognia nel 13. secolo: Osonia nel 1356, Oxogne nel 1450, Uxonia nel 1430, Usogna nel 1570. Il comune di Osogna, non come comune politico sorto solo nell'Ottocento, è citato per la prima volta in un documento del 1299. Ciò non significa che sia sorto in quell'anno: probabilmente era preesistente. Osogna aveva già nel 1400 proprie leggi ed un amministratore particolare della giustizia. Contrariamente a quanto si pensa, il capoluogo del distretto di Riviera è Osogna e non Biasca. Osogna è divenuta capoluogo di baliaggio nel 1573 e successivamente capoluogo di circolo e di distretto con la legge del 25 giugno 1803, tuttora in vigore. Tale designazione è ribadita nel decreto esecutivo del 3 febbraio 1803. Non è un caso che l'arma del distretto di Riviera coincide con il gonfalone del Comune di Osogna. In data 20 novembre 1990, il Consiglio di Stato, ha confermato dopo approfondimento giuridico che in effetti è Osogna il capoluogo del distretto della Riviera e pertanto ha deciso che il Sindaco di Osogna sarà invitato alle manifestazioni ufficiali e inserito nel regolamento del protocollo cantonale. Osogna, si trova sulla riva sinistra del fiume Ticino, immediatamente a sud di Biasca, è condizionata nel bene e nel male, dalla sua posizione geografica: d'un canto, la sua posizione fra i due principali poli d'attrazione di Biasca e Bellinzona crea dei presupposti favorevoli affinché il comune continui a giocare il ruolo di area a vocazione residenziale; d'altro canto però le pressioni negative generate dal forte carico delle vie di transito su un territorio esiguo pongono problemi non indifferenti alle autorità comunali, costrette a cimentarsi, da anni, con la ricerca di soluzioni, che, senza compromettere le dinamiche interne di una comunità in espansione, salvaguardino le prioritarie esigenze legate alla qualità di vita.



Fonte: wikipedia

La località viene nominata per le prima volta in un documento del 1299. Tombe romane sono state trovate presso il torrente Nala.

L'agricoltura era l'attività principale della popolazione. Le castagne costituivano un frutto importante per l'alimentazione. La vigna era pure coltivata nei luoghi più propizi[3]. Il grano e la segale erano coltivati per il fabbisogno locale. I covoni di grano erano battuti e messi a seccare sulla rascana (una struttura in legno come una scala a pioli) nella zona chiamata appunto "Rascana".

Nella valle di Osogna c'erano molti animali selvaggi. L'ultimo orso è stato ucciso da Giuseppe Mattei nel 1811. Il Cantone versava una gratificazione di 50 lire di Milano per ogni orso ucciso (bisognava consegnare la zampa destra).

Il villaggio era un luogo di passaggio sulla strada del San Gottardo. Alcune osterie si occupavano dei passeggeri e dei cavalli che si fermavano per la notte.

Il fiume Ticino allagava sovente i prati e i campi del piano. Ancora oggi, malgrado i ripari, capita che alcune zone vengano allagate.

L'industria del granito si è sviluppata con l'apertura della linea ferroviaria del Gottardo. Nel 1899 lavoravano ben 1500 operai nelle cave di Osogna: era una delle principali industrie ticinesi, molto dipendente dall'attività edilizia. Nel 1908 la produzione era già diminuita di metà e la concorrenza del cemento armato diventava sempre più forte. Gli operai provenivano dall'Italia e la silicosi era una malattia professionale tipica per gli scalpellini. Gli scioperi per ottenere delle migliori condizioni di lavoro e di salario erano frequenti. Le ultime cave erano attive fino al 1960. Oggi, le cave ancora aperte si trovano a Cresciano.

L'apertura della ferrovia del Gottardo (nel 1882) permise a diversi abitanti di lavorare come operai per la manutenzione della linea, meccanici alle officine di Biasca e Bellinzona o ferrovieri sui treni.

Dopo la prima guerra mondiale, la scuola elementare di Osogna era conosciuta nel Cantone e all'estero poiché la maestra Giovannina Mattei-Alberti praticava il metodo Montessori.

L'emigrazione verso gli Stati Uniti e l'America latina è stata molto forte nel XIX secolo e fino alla seconda guerra mondiale.

Osogna è stata capoluogo di baliaggio dal 1573 al 1798 ed è capoluogo del Distretto di Riviera dal 1803. Il landfogto rappresentava il potere dei tre cantoni sovrani (Uri, Svitto e Sottoselva) e amministrava la giustizia. Le esecuzioni capitali avevano luogo alla "Giustizia" fra Biasca e Osogna (ad esempio quelle comminate aa assassini, stregoni, eretici e streghe).
Pannello 1 Pannello 2
Cancelleria comunale
Segretario:
Flavio Guidi
Piazza Grande 1
6703 Osogna
tel. 091 863 32 32
fax 091 863 34 03
info@osogna.ch
www.osogna.ch
Orari d'apertura:
lu-ve 10.00 - 11.30
me 16.00 - 18.00
Pannello 3 Pannello 4
.. .. ..
..
© Comune di Osogna – credits – Ultimo aggiornamento della pagina: 26.08.2009 – Visualizzazione: RegolareStampa
..